BAGLIO - ALIMINUSA.NET

mobile edition
sito mobile in fase di test
Vai ai contenuti

Menu principale:

BAGLIO

STRUTTURE STORICHE

BAGLIO BARONALE:

Il Palazzo Baronale con il rispettivo atrio è la più antica costruzione del paese, la cui origine risale al XVII secolo. Il caseggiato fu fatto costruire dai conti Luna in seguito alla distruzione della loro dimora durante la lotta sanguinosa che li aveva impegnati contro la nobile famiglia Tirallo. Attualmente abitata da alcune famiglie appartenenti alla famiglia Milone e ancora dalla famiglia Traina, Carteny-Turroni, Madonia e Mendola, un tempo fu residenza del Vicario che aveva anche la carica di governatore ed esercitava i privilegi baronali. "Baglio" etimologicamente deriva da "Ban-lieu" vale a dire luogo che gode del diritto d’esilio e consente l'immunità penale; ciò fa pensare che il palazzo sia stato dimora di signori fuggiti o messi a bando dalle proprie terre. La sua posizione ricorda quella degli antichi castelli feudali. Il caseggiato si estendeva su due ali che avevano la funzione rispettivamente di magazzino e d’abitazione. Le due ali erano sovrastate da una torre centrale che consentiva la difesa del baglio e il controllo del territorio. Era funzionalmente diviso in elevazione; al piano terra si trovavano gli alloggi della servitù e tutti i locali di servizio, mentre al primo piano vi era la residenza del barone.
L'accesso dall'esterno era assicurato da un andito chiuso da un portone, ingresso che immetteva in un atrio a forma di U che circondava il palazzo.
Accanto all'ingresso si trovavano i locali destinati ai "campieri ", uomini che controllavano il lavoro dei contadini nelle campagne e che svolgevano altresì le funzioni di guardie del palazzo.
Sul lato sinistro dell'atrio furono costruiti, in epoca successiva alla realizzazione del palazzo baronale, i magazzini destinati alla conservazione dei cereali;
Nell'angolo nord - est del cortile fu costruita la chiesa, edificio questo che aveva due ingressi, uno dall'interno dell'atrio riservato ai Baroni e uno all'esterno in linea con il portone d'ingresso del baglio nell'attuale Via Rimembranze;
Sul lato destro dell'atrio vi erano sistemate le scuderie e sempre sul lato destro in posizione più arretrata rispetto all'accesso del baglio vi era l'ingresso principale, con la scala di accesso al piano nobile.
La scala, costituita da tredici gradini monoblocco immetteva direttamente in un gran salone di ingresso (oggi diviso in più ambienti), pavimentato allora con grandi mattoni esagonali e piccoli mattoni quadrati in cotto.
Nel corpo centrale furono costruiti due torrioni evidentemente per meglio organizzare la difesa del palazzo.
La struttura centrale non ha subito modificazioni esterne, mentre la divisione interna, e le rifiniture hanno subito delle trasformazioni così come sono stati modificati gli edifici attorno soprattutto modificando e ingrandendo le aperture esterne originarie con delle saracinesche che indubbiamente contribuiscono a deturpare tutto l'ambiente dell'atrio interno.
Sono stati inoltre costruiti degli edifici in epoca successiva e abbastanza recentemente che hanno frazionato quest'atrio in tre parti.

tutto il contenuto di questo sito appartiene ai legittimi proprietari.
Non siamo responsabili del contenuto dei link dei banner.
(c) 2000-2017 MediaLrs / Infinity Dreams
Torna ai contenuti | Torna al menu