CHIESA S.ANNA - ALIMINUSA.NET

mobile edition
sito mobile in fase di test
Vai ai contenuti

CHIESA S.ANNA

STRUTTURE STORICHE

CHIESA DI S.ANNA
La chiesa è dedicata a Sant'Anna e la sua origine risale al 1635. Originariamente era annessa al Baglio Baronale e presentava una struttura più piccola rispetto all'attuale. La chiesa è stata rimaneggiata e ingrandita almeno tre volte e l'ultimo restauro risale al 1932, come si può leggere sulla facciata della chiesa su progetto dell'Ing. Indovina di Termini Imerese.


La struttura è semplice ma nello stesso tempo suggestiva, le sue pareti sono rivestite tutte di pregiato marmo. Una particolare attenzione meritano il Fonte Battesimale, realizzato dallo Scultore Gualtiero Luisi di Pietrasanta (LU) su cui è scolpito un basso rilievo rappresentante il battesimo di Gesù nel fiume Giordano e il tabernacolo, sulla cui porticina di bronzo, è scolpito Gesù seduto che moltiplica i pani e i pesci, realizzato dall'architetto e pittore Padre Alberto Farina. Vi si possono ammirare, infine, pregiati quadri e sculture.




si ringrazia per le foto Pino Dolce, Nino Biondolillo, e i partecipanti alla "Caccia Al Tesoro 2005"
scorri la fotogallery



 
L'unica Chiesa presente ad Aliminusa ha subito molti interventi nel tempo sia all'interno sia all'esterno di essa, tanto che oggi la sua architettura e la sua struttura presentano delle sovrapposizioni stilistiche che certamente ne sminuiscono il valore architettonico. In origine la chiesa fatta costruire dal Cutelli era molto più piccola dell'attuale e comprendeva soltanto l'attuale presbiterio.
La nuova Chiesa fu costruita in ampliamento della chiesa esistente tra la fine del 1700 e l'inizio del 1800 e aperta al culto nel 1809.  
Essa era un organismo edilizio del tutto diverso dall'attuale, la copertura era realizzata con delle capriate in legno e mancava dell'attuale cupola costruita successivamente
l'arredamento interno era "povero " ed essenziale, la pavimentazione eseguita in mattoni di cotto e mancavano tutti i marmi che si trovano nell'attuale edificio.

Nel 1930 l'ing. Indovina esegue un primo progetto di restauro e modifica del prospetto. (immagine a lato)
 
 
Durante l'ultimo conflitto, per una bomba fatta esplodere dai Tedeschi per far saltare il ponte Costa di Daino la Chiesa per l'urto seguito allo scoppio subì delle lesioni molto gravi, sulle quali si intervenne alla fine del conflitto per le riparazioni necessarie.
 

Nel 1966.-67 la Chiesa subisce un intervento, che ne stravolge la struttura e ne cambia radicalmente l'architettura sia interna sia esterna. Viene, infatti, aggiunta una cupola e la copertura in capriate è sostituita con un solaio piano che presenta delle decorazioni al suo intradosso.
Le pavimentazioni in terra cotta vengono sostituiti con pavimenti di marmo così come le pareti che vengono rivestiti in parte con lo stesso materiale.
Viene costruita inoltre una nuova scalinata di accesso alla chiesa, anch'essa in marmo, e in conseguenza viene demolita la vecchia scalinata in pietra arenaria e mutato così il rapporto esterno con la piazza antistante.

testi di Rosario Zanghì. Riservato ogni diritto d'utilizzo.



tutto il contenuto di questo sito appartiene ai legittimi proprietari.
Non siamo responsabili del contenuto dei link dei banner.
(c) 2000-2017 MediaLrs / Infinity Dreams
Torna ai contenuti | Torna al menu