LE PRIME ABITAZIONI - ALIMINUSA.NET

mobile edition
sito mobile in fase di test
Vai ai contenuti

LE PRIME ABITAZIONI

STORIA E URBANISTICA

 
Le abitazioni, il modo di abitare, la concezione dell'abitazione , la funzione della casa , il modo di edificare , rimangono invariati per molti secoli dalla fondazione del centro.
Tra le diverse abitazioni originarie dei contadini, che rappresentavano la quasi totalità degli abitanti, non si riscontrano differenze rilevanti, se non sulla lunghezza dell'affaccio su strada, e le funzioni che in essa si svolgono sono comuni per tutti.
L'abitazione doveva soddisfare bisogni elementari e non desideri, essere rifugio per la notte, ricovero degli animali, deposito per attrezzi per la campagna e di sementi, luogo ove le donne dovevano svolgere i lavori e i compiti che a loro erano delegati, quali la lavorazione di alcuni prodotti agricoli, cucinare, educare i figli, preparare le conserve, ricamare, lavare etc., funzioni e lavori che si estendono anche fuori dell'abitazione nel " chacato " spazio semipubblico antistante l'abitazione.
Si può considerare quindi la casa come estensione del marciapiede e viceversa, perdendo così l'abitazione il suo carattere di totale spazio privato e la strada di totale spazio pubblico.


 
 
Lillo e Tano Gullo nel libro "Aliminusa strada , donna religiosità" così descrivono questo rapporto, Il senso di possesso della strada si estende ad alcuni accessori come panche di pietra , fili per stendere i panni e anelli per legarvi i muli …….. Lo spazio soglia verrà via via occupato dai fustini di detersivo e della pila della donna per il bucato , delle tavole della salsa messa ad asciugare, dai legni e dalle pignatte per abbrustolire i ceci , dai graticci con i fichi da essiccare , dalle botti per il travaso e dai paioli per fare il vino cotto , dalle masserizie e altri oggetti della casa quando bisognerà pulirla o dipingerla , dalle madie con il frumento da nettare , dai panieri dei piselli , dalle sedie e dai telai per ricamare da specchi e pettini per annodarsi i capelli dalle bacinelle d'acqua per lavare i bambini ".
Gli edifici, pur nella povertà di materiali usati, nel loro arredo essenziale, nella semplice distribuzione interna, acquisivano, nella loro ripetitività l'ungo l'isolato, nel loro rapporto con la campagna circostante, nel gioco dei volumi determinato dalla pendenza delle strade e dalle quote di imposta delle fondazioni in rapporto ad essa , una valenza architettonica ed in special modo paesaggistica.  


 
 
Si noti come le sopraelevazioni ostruiscano la vista della montagna

Spicca subito all'occhio, per la ripetitività lungo l'isolato, " a canalata ", elemento costituito generalmente dalle stesse tegole usate per la copertura dell'edificio, sovrapposte una alle altre, posizionate sopra le aperture esterne.
Esse servivano per proteggere gli ingressi dall'acqua piovana raccolta dal tetto , in quanto le tegole che lo costituivano terminavano sporgendo dal muro dell'edificio per circa un quarto della loro lunghezza, ancorate con delle pietre poste sopra di esse in corrispondenza del muro stesso, scaricando quindi l'acqua radente al muro .
" A canalata " era ancorata al muro con aggetti di intonaco o più raramente con ganci di ferro e terminava con una tegola posta ortogonalmente alla parete per allontanare quanto più possibile l'acqua dall'edificio.

Essa seguiva l'inclinazione della strada, anche se aveva pendenza molto maggiore della stessa, fatto questo difficilmente spiegabile in quanto una pendenza così accentuata poteva far tracimare facilmente l'acqua raccolta , soprattutto in corrispondenza della tegola posta ortogonalmente al muro in quanto lì si aveva un cambio di direzione repentino.
Se le aperture esterne erano troppo ravvicinate e quindi le due " canalate " si sarebbero inevitabilmente sovrapposte, allora esse si costruivano a forma di V che si ripeteva per ogni apertura.
Detto elemento non si trova nel corpo centrale del baglio baronale, in quanto in esso le acque piovane raccolte dalla copertura erano allontanate diversamente, mentre lo ritroviamo nei magazzini costruitivi attorno , si suppone in epoca successiva , dopo la demolizione del muro di cinta.
La canalata, pur costituita da materiali poveri , sottolineava il ritmo delle aperture esterne che si susseguivano lungo la schiera e costituiva elemento architettonico rilevante in quanto caratterizzava in maniera forte il prospetto dell'edificio anche e in quanto elemento aggettante rispetto ad esso e la strada per la sua ripetitività e frequenza.
 
 
Le aperture esterne erano spesso realizzate in legno ad una anta nella cui parte superiore e in parte della sua lunghezza era ricavato un'apertura " u purteddu ", senza vetri, che rimanendo quasi sempre aperto nella giornata non assicurava nessuna protezione termica né visiva.
Tra la strada e la casa, quindi, non esisteva di fatto nessun filtro, perciò le interazioni tra esterno ed interno, tra pubblico e privato erano molto forti.
 
 
Le architravi erano realizzati o con un arco a sesto molto basso o semplicemente realizzandolo con una trave di legno ,generalmente ulivo  , mentre per le aperture di dimensioni più ridotte erano spesso usata una tavola , che serviva inizialmente anche come cassero per costruirvi la muratura soprastante e che una volta realizzata , per gli attriti e i leganti contribuiva ad assorbire le sollecitazioni che erano trasmesse dalla muratura soprastante e dalla copertura.
Gli edifici, come abbiamo sopra detto si possono ricondurre a quattro tipologie differenziandosi una dall'altra principalmente per la lunghezza del lotto.
Si riportano di seguito tre delle quattro possibili tipologie in quanto la quarta corrispondente al quarto di casa era utilizzata soprattutto per magazzino.

L’INTERNO DELLE ABITAZIONI

La casa intera era generalmente divisa da un muro centrale che differenziava le funzioni delle due parti di edificio; in una anteriormente veniva collocato il forno , la cucina a legna , con le due "quadare " ( paioli in rame molto capienti ) , posizione questa che permetteva alla donna di essere in diretto rapporto con l'esterno mentre cucinava , visto che in corrispondenza veniva posto uno dei due ingressi ; e in fondo trovava posto la stalla ; questa mezza casa poteva essere ulteriormente , anche se non sempre , divisa da un tramezzo , che ritagliava un ulteriore spazio per una piccola saletta anteriore ed una camera posteriormente .
Nell'altra mezza casa , veniva ricavata anteriormente una sala e posteriormente due alcove , separate dalla sala da due tende , e che accoglievano il letto matrimoniale e il letto per i figli.
Il solaio, quando realizzato, collegato verticalmente con una scala a pioli, era suddiviso in scomparti con dei muretti alti all'incirca un metro per separare i prodotti agricoli (generalmente cereali) che in esso erano depositati.
La terza tipologia riportata si riferisce ad una abitazione a due piani fuori terra e solaio, tipologia tipo del primo dopoguerra e essa si differenzia rispetto alla casa terrana in quanto la zona notte era posta al primo piano.
I caratteri distributivi , pur nella loro semplicità , non prevedevano molte varianti , anche nel modo di collocare le aperture e le finestre , tanto che in molti edifici di testata delle schiere , spesso non si approfittava della possibilità di costruire delle aperture su due fronti della casa .
L'arredamento della casa era costituito da mobili poveri ed essenziali, tutti improntati alla massima economicità e praticità.
I letti erano costituiti da due trespoli in ferro, sui quali venivano collocate delle tavole in legno e sopra i quali veniva sistemato il materasso in lana o più frequentemente un pagliericcio.
Raramente ed in casi eccezionali le abitazioni erano dotati di armadi, più frequentemente ed in angolo veniva costruito uno " stipu " , mobile a forma triangolare che veniva collocato in un angolo e che solo nella parte anteriore era in legno , mentre veniva chiuso dai due muri nel retro , un tavolo in legno e poche sedie , spesso non sufficienti per tutta la famiglia , una cassapanca con la doppia funzione di deposito di abiti ed oggetti vari e posto sul quale sedersi , " a cunculina " braciere in rame sorretto da un trespolo in legno a forma esagonale , attorno al quale la famiglia si riuniva in inverno .
Attenzione particolare , in quanto non si ha notizia di costruzioni simili in altri luoghi , merita " a finistredda " , che veniva ricavata con un arco costruito sul muro portante e che poteva essere adibita solo per esposizione delle poche cose di piccolo valore che si possedevano ( qualche piatto in ceramica , delle foto , qualche piccolo attrezzo ) o che poteva altresì servire per depositarvi il formaggio all'interno o le " quartare " in basso .

tutto il contenuto di questo sito appartiene ai legittimi proprietari.
Non siamo responsabili del contenuto dei link dei banner.
(c) 2000-2017 MediaLrs / Infinity Dreams
Torna ai contenuti | Torna al menu